CERCA NEL BLOG!

domenica 3 giugno 2012

The Dictator - Il Dittatore

Ballestrero se ne torna quatto quatto a riscrivere sul blog, dopo un periodo piuttosto lungo di assenza.
Mi fa piacere farlo parlando del film in questione, che resta un altro capolavoro di Baron Cohen assieme a Borat.
Nella Repubblica di Wadiya governa sua eccellenza ammiraglio generale Haffaz Aladeen, leader supremo, generale trionfante e adorato oppressore. Tutti titoli autoconferiti.
Il leader supremo ha qualche problema con l'ONU, che vorrebbe far visita ai suoi arsenali dove ha in corso esperimenti nucleari per una bomba atomica. Stanco delle continue insistenze del Consiglio di Sicurezza, decide lui di andare a New York per parlare di fronte all'assemblea. Il suo viaggio diventa così un'avventura greve e pacchiana che gli farà incontrare anche una fondamentalista naturista con cui avrà un curioso futuro.
Irriverente, grottesco, esilarante. Nel pieno stile Cohen ci si fa beffe (per fortuna) del politically correct e si irridono usi, costumi e minoranze senza alcuna pietà. In mezzo a tante gag e scene da rotolarsi dal ridere c'è anche spazio per uno spunto di riflessione, fornito dal paragone solo apparentemente inaccostabile tra democrazia e dittatura. Quando messe a confronto da Aladeen, ci si accorge che oltre ad essere imperfette, hanno pure qualche punto di contatto. Promosso a pieni voti e raccomandatissimo. Non resta che attendere il 15 giugno per l'uscita nelle sale. Ringrazio la Univesal Picture Italia che mi ha dato la possibilità di vederlo in anteprima e in lingua originale. 

4 commenti:

Il cinefilante ha detto...

Io se ci ripenso ancora rido! ti dirò... lo andrei anche a rivedere anche se temo molto la traduzione e il doppiaggio italiano!

Ballestrero ha detto...

Hai ragione! Anche io non riesco mai a rivedere un film dopo avrlo ascoltato in lingua originale. In Italiano mi cambia molto

Anonimo ha detto...

BENTORNATO BALLESTRERO....!

Ballestrero ha detto...

Grazie Anonimo!