CERCA NEL BLOG!

giovedì 16 febbraio 2012

Sanremo 2012 - Anteprima Vincitore

Credo di aver visto l'ultimo Sanremo quando avevo quattordici anni. Dopodiché ne ho perso completamente l'interesse. Adesso lo seguo, diciamo così, "dietro le quinte" per il tramite di un mio amico della carta stampata che ogni anno per mestiere va a seguirlo nella città dei fiori.
Interrogato ieri via sms mi dice che già oggi potrebbe farmi sapere il nome del vincitore. Vediamo se il pronostico sarà vero oppure no. Di solito però il mio amico strillone non sbaglia...


Cari lettori restate in ascolto. Anzi, in lettura. Nelle prossime ore vi posto il nome.

Come promesso i nomi sono arrivati: si parla quasi con certezza di Casillo per la categoria giovani e di Emma per la categoria big. Vediamo se sarò smentito, eheheh!!!

sabato 11 febbraio 2012

Habemus Papam

Dopo aver visto il film ieri, comodamente a casa, le domande che mi sono fatto sono state tante. A partire dal titolo del film. Perché al termine della proiezione ci si chiede se habemus papam o habemus dementia senilis. Michel Piccoli presta il volto ad un papa senza nome, perché la brutta reazione psicologica all'elezione al papato è talmente scomposta e bislacca che il prevosto manco ha saputo scegliersi un nome per l'augusta nomina.

«Qui nomine vis vocari?»
«Vocabor Stocazzo! Tanto sò pazzo...!!»

Potrebbe essere sintetizzata così, con una battuta da osteria, la Romano Pontifici Eligenda. Tanto se di fronte ti trovi davanti un povero anziano con la testa soffocata dall'amnesia, senza cognizione di tempo causa e luogo, attorniato da un commando di cardinali che, non sapendo che pesci prendere, si affidano ad un isterico psicoterapeuta (Nanni Moretti), potremmo tranquillamente tagliarla corta qui.
Il succo della trama infatti é semplicemente questo. Cosa potrebbe succedere se venisse eletto un papa la cui mente alterna lucidità alterata, associata ad una crescente paura per l'incarico che gli viene affidato? Certamente una grande confusione. Superabile, secondo Nanni Moretti, organizzando un campionato di pallavolo nel cortile del palazzo apostolico tra i cardinali di tutto il mondo,  dipingendo un bel quadretto grottesco senza senso e perciò inutile. Ci sono guizzi di ironia e blande prese in giro della psicologia, con gli addetti ai lavori che generalmente tendono a trattare qualunque anomalia mentale attraverso la lente a senso unico della loro impostazione scolastica. Per la moglie del professor Brezzi (Nanni Moretti) - interpretata da Margherita Buy - tutto si spiega con il deficit dell'abbandono. Quando il soggetto in età infantile non riceve le adeguate attenzioni, tende a portarsi il trauma per tutta la vita facendolo esplodere nei momenti più imprevisti. Per allungare un pò di più il brodo, si va avanti con la fuga del neo eletto papa tra le strade di Roma, dove nessuno lo riconosce non avendolo mai visto dopo aver saputo della sua elezione. Dopo la fumata bianca il novello papa senza nome si rifiuta di salutare i fedeli in piazza che lo attendono, dandosela a gambe levate dentro le rassicuranti mura della Sistina.
Non aspettatevi un finale da colpo di scena. Perché tanto non esiste.