CERCA NEL BLOG!

mercoledì 11 gennaio 2012

Mission Impossible - Protocollo Fantasma

Approfittando dell'anteprima proiettata al cinema Barberini ieri sera sono andato a vedere, non senza qualche riserva, l'ultima release di Mission Impossibile, questa volta declinato in Ghost Protocol.
Di solito i film d'azione si caratterizzano sempre per qualche mancanza, in genere si preferisce puntare tutto sugli effetti speciali piuttosto che sulla dinamicità delle scene, spesso a scapito della trama destinata il più delle volte a restare alquanto banale.
Con sorpresa e piacere questo Mission Impossibile Protocollo fantasma sembra colmare tutte queste lacune, sortendo un effetto di soddisfazione sul fatto che nulla è stato sacrificato a favore dei soli elementi d'effetto.
Questa volta il caso di Ethan Hunt è articolato, si trova a dover disinnescare missili nucleari che il solito fondamentalista terrorista è intenzionato a lanciare per scatenare un conflitto atomico su scala mondiale. Michael Nyqvist, il terrorista di cui sopra e interpretato da un bravissimo Kurt Hendricks, illustra il suo piano nel corso di una delirante conferenza stampa (si presume in mondovisione) in cui fa l'apologia della teoria dell'evoluzione, per la quale dopo il conflitto atomico solo i più forti resisteranno e saranno in grado di inaugurare una nuova era. Per realizzare il piano a tutti i costi non esita a far esplodere il Cremlino, innescando immediatamente la tensione tra Russia e Usa. L'agente Hunt, attraverso una continua ed intricata interpolazione tra ambienti politici, militari, paramilitari, mercanti di morte, assassini professionisti, insieme alla sua squadra si spremerà anche oltre i limiti fisici per salvare il mondo ed evitare la catastrofe.
Non c'è dubbio che per tutta la durata del film il ritmo è avvincente, serrato e senza mai un attimo di tregua. Non si rischia la noia, sia per l'azione che per le location utilizzate. Suspence assicurata, colpi di scena e tanta ironia che ha reso alcuni passaggi anche divertenti che nulla hanno tolto al pathos generale, a volte smussandolo con garbo.
Attendiamo dunque l'arrivo nelle sale italiane previsto per il 27 gennaio. Per mio conto, posso suggerire di andarlo a vedere senza riserve!

4 commenti:

Il cinefilante ha detto...

anche a me è piaciuto moltissimo!!! non ti sarebbero piaciute, invece, le due palle colossali che ti saresti fatto a vedere edgar J. che presto stroncherò a dovere!

Ballestrero ha detto...

Grazie per essere sempre la prima a commentare! Meno male allora che mi sono risparmiato Edgar J.!
Devo dire che il film mi è piaciuto molto, naturalmente anche la cornice naif in cui l'abbiamo visto, eheheheh!!!

Lord Paranoia ha detto...

Molto bello anche il tuo blog.
Non sono un fan dei Mission Impossibile ahimé quindi questo è un banale commento di saluto!
A presto!

Ballestrero ha detto...

Grazie per i complimenti Lord Paranoia! Ti capisco, anche io non sono mai stato un fan di mission impossible e non lo diventerò certo da ora. Eppure oggettivamente il film è molto bello. Se ti dovesse capitare di andarlo a vedere non rimarrai deluso