CERCA NEL BLOG!

mercoledì 15 giugno 2011

Le scoperte dell'Ingegnere - 1° puntata

L'ambiente fa l'uomo? Il viaggio nel tempo esiste? L'alieno di Roswell è autentico o è il solito bambolone di pezza? Per queste e altre domande il beneficio del dubbio è sempre lecito. Ma se quello che esigete dalla vita è un punto fermo, qualcosa che celebra l'immobilismo rasentando l'immanenza, datemi retta... non c'è che da rivolgersi all'Ingegnere. Non uno qualsiasi, non certo il primo che passa per caso o che si può scegliere online filtrando la ricerca su Linkedin. No! No! Occorre andarci a pranzo, tutti i giorni, da lunedì a venerdì, per settimane, mesi, anche anni. Lavorandoci insieme la cosa viene piuttosto facile. Per scoprire che si può arrivare a quarant'anni, anche felicemente, senza aver ricevuto dalla vita il dono di un'esperienza degna di nota che sia una. Partendo da oggi, ho deciso che dedicherò qualche post all'Ingegnere sulle scoperte della vita che tardamente, ma con entusiasmo, sta facendo insieme ad un nutrito gruppo di gaudenti colleghi (me compreso) una serie di scoperte sulla vita fino a ieri inimmaginabili. Oggi, ad esempio, profittando di una conversazione delicatamente licenziosa, ha scoperto l'esistenza della figura del trombamico/a. Imbarazzati per la sua ignoranza sull'argomento, ma rinfrancati dal suo interesse e dalla sua voglia di imparare, lo abbiamo ricolmato della nostra Sapienza spiegandogli tutto sull'argomento. L'iniziale entusiasmo e sincero interesse nell'apprendere di ciò che prima ignorava candidamente, si è affievolito a mano a mano che le nozioni sul tema gli carezzassero le orecchie, per lasciare emergere sul viso un'espressione amareggiata e condolente. "Ma perché a me non è mai capitato? Perché non sapevo che esistessero le trombamiche?" "E come devono essere le trombamiche?" "Quali regole si seguono con le trombamiche e quali sono i ruoli da rispettare?"
Queste e altre domande hanno investito come un treno in corsa la mente oziosa dell'Ingegnere, evidenziando l'impudente e amara consapevolezza che questo argomento, come molti altri già trattati e che si tratteranno, non hanno mai permeato la sua vita, refrattaria come il trench di Humphrey Bogart alla pioggia. L'Ingegnere non ha mai avuto una trombamica. Mai. Nemmeno in circostanze dove anche la solidarietà di generose benefattrici ha potuto più dell'attrazione (partenza per il militare, delusione per un amore non ricambiato, depressione momentanea, ecc.). Una vita in bianco e nero, come quella magnificamente ritratta dal film Pleasantville che passo dopo passo inizia magicamente a colorarsi.
Oggi l'Ingegnere ha finalmente fatto una scoperta. Incrinando per un attimo l'immobilismo che ha ingessato la sua vita. Che sia l'inizio di una nuova vita? Può darsi. Per scoprire che si può apprendere dell'esistenza della vita e delle sue componenti, senza necessariamente doversi rimettere in discussione. Di queste e di altre scoperte vi daremo lettura nelle prossime puntate, che già si annunciano molteplici. Perché l'Ingegnere è una miniera che, opportunamente scavata, ci restituirà quintali e quintali d'oro come in California all'epoca della Gold Rush. Stay tuned. L'Ingegnere ci stupirà...

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Ehe ehemmm !! Come dire . . l'Ingegnere non ha mai saputo ingegnarsi in materia? O è sempre stato un'estimatore dell'assolo oppure è sempre stato fortunatamente accoppiato.

Daccordo sul fatto che l'argomento va assolutamente sviscerato . . e tu Ballestrero avrai già in mente come fare . . .vero?
Spettegulesss !!

Pimpulu79

Anastasia Beaverhausen ha detto...

Scusami, sono parecchio stressato in questi giorni e non ho ben capito: l'Ingegnere è fonte sapienziale, ma non sapeva nulla di un argomento basic come il trombamico? Non ci capisco. E perché dovrebbe essere interessante? Boh tesoro, forse sei semplicemente molto avanti.
Passa un buon fine settimana, b di baci...

Ballestrero ha detto...

@ Pimpulu: meno male che a te il titolo non ho corrotto l'anima, ehehehe!!!! Comunque si, seguiranno altre puntate puoi contarci....
Bacioni

@ Anastasia: diciamo che non baso il racconto sul paradosso. Quindi non stiamo sul contrasto fonte sapienziale / ignoranza cose basilari. L'Ingegnere in questione e che lavora con me è soltanto un prototipo. Perché di persone come lui poco o per nulla ferrate su argomenti basic ne conosco (ahimè) a quintali.
Ti ringrazio per la stima sul fatto di essere molto avanti. A me basta anche la terza fila di solito, ehehehehe. Buon fine settimana anche a te!