CERCA NEL BLOG!

mercoledì 2 marzo 2011

Lady Oscar

Presto sul blog uno special dedicato al cartone animato che tutti i ragazzi degli anni '80 hanno visto. Dopo aver passato in rassegna ben 40 episodi ho trovato tantissimi spunti di discussione che rendono questo cartone animato una miniera d'oro dal punto di vista storico, antropologico, pedagogico ed educativo. E perché no? Anche un pò pruriginoso.
Per gli argomenti trattati ed il contesto in cui è inserito, Lady Oscar è un manga fatto e finito più destinato agli adulti che ai ragazzi. Io da ragazzino ho visto quasi tutte le puntate. Oggi rivedendole tutte con occhi e orecchie adulte lo trovo davvero un capolavoro.
Sto riflettendo se dedicare un post su ciascun episodio oppure se fare una summa. Avrò bisogno dei vostri suggerimenti su come procedere, per cui sono benvenute indicazioni e consigli.

13 commenti:

Anonimo ha detto...

Sono nuovo nel tuo blog ma occupandomi e collezionando cartoon ti potrei sicuramente dare una mano. . . .da dove vogliamo comnciare?

Pimpulu79

Simona ha detto...

quello che mi colpì a posteriori è che fu l'unico cartone segnato dal tempo..ricordo i primi episodi di lady oscar con i capelli corti e man mano che cresceva i capelli diventavano più lunghi e il volto più maturo. Fantastico,è vero pur se con la massima innocenza, accendeva i primi pruriti in noi pre adolescenti !

Anonimo ha detto...

Lady Oscar ha segnato la generazione dei pre-adolescenti degli anni '80 e forse come molti altri cartoon giapponesi dell'epoca, ha prematuramente acceso certi "pruriti" pur non provocando a mio avviso particolari traumi..Vogliamo poi mettere un minimo di messaggio didattico?Insomma dopotutto era inquadrato in una particolare epoca storica...seppure un romanzetto Lady Oscar era un cartone animato da cui si poteva imparare qualcosina. Altro che i cartoni di oggi, privi di contenuti pedagogici ma semplicemente raccapriccianti!Grazie per l'argomento Gian!

Ballestrero ha detto...

@ Pimpulu79: ti ringrazio dell'aiuto che accetto volentieri. Approfitto allora della tua scienza per chiederti su Lady Oscar come, secondo te, sia meglio procedere. Il manga è composto di 40 puntate. Dici che è il caso di trattarle tutte con un post a puntata? Forse sarebbe laborioso, ma uscirebbe sicuramenet un lavoro completo.
@ Simona: mia cara, certi pruriti non cessano mai. Anche in età adulta, ahahahah!!
@ Anonimo: più che darti ragione a tutto tondo cosa posso fare? Sono d'accordo infatti che i cartoni di oggi fanno schifo, soprattutto perchè sono falsati e mistificati, non trasmettendo nessun riferimento alla vita vera cancellando dinamiche fondamentali nella vita: la morte, il crimine, l'amore con le gioie e i dolori che si porta dietro, ecc.

Anonimo ha detto...

Dunque le puntate in realtà sono 41 di cui l'ultimo è riassuntivo.

Sarebbe bello se tu volessi Fare un riassunto a puntata con una parte NOTE o CURIOSITA' sulla conclusione di ciascun episodio descritto in cui si possono tracciare le differenze con il fumetto che ti assicuro ne farebbe un post molto interessante. Ti va? Ci vorrà un pò di tempo perché descrivere 41 episodi necessita tempo e non penso tu voglia descriverele in colpo unico.

Come ci organizziamo?

Pimpulu79

Anonimo ha detto...

Perdonami per ripondere meglio alla tua domanda sono daccordo in un unico post ecco senno' diventa dispersivo pero' capiamo a che livello di dettaglio vuoi scendere.

A tua disposizione insomma ecco.

Pimpulu79

Ballestrero ha detto...

@ Pimpulu: la tua idea mi piace, si potrebbe fare. Farei un post per ogni puntata con curiosità eccetera ma la differenza col fumetto non potrei farle perché non lo conosco. Se lo conosci tu sarei contentissimo di inserire la parte tua relativa al fumetto riconoscendoti il merito naturalmente :-)
che ne pensi?

Anonimo ha detto...

Perfetto !

Si io te l'ho proposto perché consoco bene anche il fumetto.

Ti mando una mail cosi quando vuoi iniziamo va bene?

Pimpulu79.

Il cinefilante ha detto...

Lady Oscar è mitica! Non vedo l'ora di godermi le recensioni e di rivedere ogni songolo episodio!
Indimenticabile in Conte di Fersen e quando Andrè le strappa i vestiti di dosso.... scena epocale almeno come il bacio di Candy e Terence....

Ballestrero ha detto...

Ti avevo detto che prima o poi lo avrei fatto, vero Cinefilante? Quando ti porto le puntate ti farai una bella rassegna! L'abbraccio di Candy e Terence fu epico. Altrettanto epico è che sia Candy che Maria Antonietta condividono la stessa doppiatrice! :-)

Silvietta ha detto...

Grande Ballestrero, ottima idea!Io sarei propensa per un dibattito su ogni singolo episodio.
Io, il fumetto, lo conosco per sommi capi, grazie a vari amici, ma il cartoon lo so a memoria, letteralmente.
Concordo che ha degli insegnamenti pedagogici, storici, ecc incredibili oltre a stimolare dei pruriti che alla fine erano qualcosa di naturale: ricordo che negli anni 90 osarono censurare la scena d'amore tra Oscar e André(epocale, come dice Cinefilante, proprio come il mitico bacio Terence/Candy!), che non aveva nulla di scandaloso e anzi era di una poesia unica.
Dal mio punto di vista credo che la Ikeda(autrice del manga) meriterebbe un encomio anche per la grande ricerca storica effettuata, fu il primo prodotto a mostrare il volto umano e realistico di Maria Antonietta, che prima di allora era dipinta come un mostro.
Ma tutti i personaggi, sia negativi che positivi, sia storici che inventati, sono molto realistici e molto approfonditi.
Ah da piccola preferivo il Conte di Fersen, ma pure André^^!
Scusate il malloppo!E buona domenica

Ballestrero ha detto...

@ Silvietta:
come puoi vedere si è deciso per un post a puntata. Mi sono reso conto che gli aspetti sono molteplici ed ogni puntata ha tanto da dire. Sono contento che ti piaccia. Sono d'accordissimo sul fatto che Maria Antonietta nel cartone con toni più umani, rispetto a quelli mostruosi da leggenda che l'hano sempre circondata. Ne approfitto per augurarti buona lettura!

Silvietta ha detto...

^_^Grazie Ballestrero, ora vado a leggere!