CERCA NEL BLOG!

lunedì 29 dicembre 2008

The Spirit

Ho dovuto fare qualche ricerca su internet per meglio capire il personaggio protagonista di questo film, visto ieri sera al Savoy in compagnia del Cinefilante. Leggo appunto che il film è stato tratto da un personaggio dei fumetti di Will Eisner, fumettista di vecchio corso ma che personalmente non ho mai sentito nominare prima d'ora. The Spirit è una sorta di Batman che vive a Central City, grigia e lugubre come la più conosciuta Gotham City. E' la storia di un poliziotto scampato alla morte che risorto dal suo sepolcro si trasforma nel giustiziere in abito scuro, cravatta rosso magenta e maschera di Zorro sempre indosso, ingaggiando lotte furibonde con i banditi della città sguinzagliati dal cattivo di turno che si chiama Octopus, interpretato da Samuel L. Jackson. Osservando il protagonista durante la proiezione mi rendevo sempre più conto che sotto quella maschera si nasconde un sogghigno conosciuto. Il flashback mi ha riportato alle prime puntate del telefilm Sex & The City, il ragazzo amico di Carrie che aveva la mania di riprendere con la telecamera i suoi amplessi con le modelle che si rimorchiava. Si tratta di Gabriel Match, che può nascondersi il viso sotto qualunque maschera ma il cui sorrisetto da mascalzone è riconoscibile anche sotto quintali di cerone. L'inizio del film non è molto incoraggiante, perché animazione da fumetto e presa diretta si mischiavano come nei più temibili fumettoni ibridi per bambini. Invece, superati i primi 20 minuti, il film diventa completamente "normale" e la sceneggiatura si sviluppa anche piacevolmente, arricchita da inserti umoristici divertenti che stemperano le continue scariche di botte, sparatorie, bombe ed esplosioni. The Spirit è finalmente un eroe insolito, simpatico e un pò guascone, completamente diverso dal serioso Bruce Wayne/Batman che specie nell'ultima versione de "Il Cavaliere Oscuro" è anche piuttosto inquietante, con quella voce cavernosa e incomprensibile. In più The Spirit è circondato da protagoniste di una bellezza mozzafiato, come Eva Mendes nei panni (e che panni!) della prima fidanzatina di The Spirit in gioventù, poi ritornata a Central City più bona e arrabbiata che mai. Contraltare cattivo e ugualmente bellissima è Scarlett Johansson, addirittura divertente nei suoi camuffamenti. Un film che si lascia vedere piacevolmente, per nulla noioso e a tratti anche avvincente. Samuel L. Jackson è un cattivo di tutto rispetto, davvero una parte riuscitissima e che ruba un pò di scena al Joker di Ledger.

2 commenti:

mizza ha detto...

secondo me "joker" e "ledger" non devono manco essere nominati :D
ti dirò, un bel film, ma mi aspettavo molto di più... non volevo di certo ridere :( secondo me poteva avere molto più potenziale sto film... (anche se il fumetto non lo conosco, quindi non sono del tutto sicura sulle sue "potenzialità")..
e poi troppa gnocca!!! per fortuna che nei panni di spirit c'era il bel gabriel, così anche noi donnine siamo state accontentate!

e già che ci siamo... tanti auguri per l'anno nuovo!

simona

Il cinefilante ha detto...

è vero... sicuramente hanno puntato molto più sul castfemminile che quello maschile. ma notoriamente i fumettari sono molto sensibili alle pin-up!
gabriel invece per me niente di che... :-(