CERCA NEL BLOG!

martedì 12 agosto 2008

Canottiere al rogo!

Lo scorso pomeriggio, in un giro di shopping autoconsolatorio dopo una giornata non proprio gradevole, mi sono avventurato a spasso nel centro di Roma, nella speranza di godermene la bellezza e la tranquillità dell'agosto cittadino senza confusione in giro. Mi sbagliavo. La confusione c'era, i turisti pure ed i miei concittadini romani ancora di più. In particolare, sono stati questi ultimi sono stati quelli che più mi hanno impressionato nella loro componente maschile: quasi tutti indossavano una canottiera, un capo che ultimamente sembra essere molto alla moda, fa sembrare "à la page" e molto "up to date". E' scoppiata una moda alla rovescia di cui io non ero a conoscenza? Dieci anni fa andare in giro con una canottiera, di qualsiasi foggia e sia pure "firmata", era considerato estremamente cafone. Chiamatemi pure vecchio bacucco bacchettone, ma io lo considero ancora. Anche perché se un tempo era sufficiente la canotta per assumere un look - diciamo - biasimevole, oggi la formula è decisamente più impreziosita: se ne trovano a righe colorate tipo "Barbie Regina di Bellezza", sovraccariche di scritte oscene come la raffinatissima "De Puta Madre", per non parlare poi di quelle da marinaretto a righe bianche e blu da avanspettacolo, che può permettersi solo Alberto Sordi in "Polvere di Stelle". Se un tempo bastava soltanto la canotta, adesso quest'ultima fa da cornice ad altri orpelli fatti di orecchini con lo zircone, tatuaggi indecenti spesso a colori e, ahimé, a sopracciglia spinzettate, cui presto dedicherò un pezzo a parte per l'inquietante e orrenda diffusione che il fenomeno ha preso. Insomma, dopo quanto ho visto mi sono improvvisamente immedesimato nell'amica Betty Moore, titolare del sito Le Malvestite, cui mi onoro di segnalare nei link del mio blog per l'acume e la simpatia con cui affronta gli argomenti dedicati al costume. Eppure, per dimostrare che si può ricavare del buono anche nella tragedia, un effetto positivo l'orrenda visione l'ha prodotto: sono andato di corsa a comprarmi una camicia!
Un'avvertenza:  per le spiagge capitoline e per le sue strade si sta aggirando un tipo inquietante. Indossa una canottiera nera traforata a buchi larghi. Chiunque lo dovesse incontrare è pregato di non avvicinarlo e chiamare immediatamente le forze dell'ordine, che provvederanno a tradurlo in galera per oltraggio al pudore!

4 commenti:

Il cinefilante ha detto...

ci sono cose che un uomo non dovrebbe mai indossare né tantomeno possedere nel proprio guardaroba... la canottiera è una di queste.. CHE ORRORE!

mizza ha detto...

dio salvi le camicie...

(tornai... purtroppo!)

Ballestrero ha detto...

Ben tornata Mizza! Spero che hai fatto buone vacanze! Spero che le tue preghiere vengano ascoltate e che Dio salvi davvero le camicie!

Anonimo ha detto...

Dipende da chi la indossa... Se la indossassi io potrei suscitare l'ilarità degli astanti, se la indossasse Lenny Kravitz (credo lo conoscano tutti/e altrimenti googlatelo..), il tasso di testostrerone crescerebbbe a dismisura. Poi d'accordo sulle menate del tipo "un uomo deve avere altre qualità" oppure "se poi non mi sa coinvolgere non mi interessa" ed altre amenità simili... però alla fine, pur risultando controcorrente, posso dire che la colpa non è della canottiera ma di chi la indossa!!! Passate il paragone: se una ragazzotta di 120 kg lanciatrice del peso della ex DDR si mettesse un mini perizoma che le esce dal jeans formando un meravoglioso cul...atello di Zibello... vi sentireste di dare la colpa a Victoria's secret che ha fatto quel prodotto o alla Olga Cocimelova che non ha il fisico per indossare certe cose e fa finta di non capirlo...? Lo stesso dicasi per la canottiera al maschietto.
Cordialità da Ronin73.